Y Factor: il talent made in Youtube

Domenica è andata "in onda" la prima puntata di "The Y Factor". No, non è un errore e no, non parliamo di "X factor" (il popolare talent ormai passato dalla RAI a Sky). La Y sta per Youtube e qui, per l'appunto, si cercano talenti youtubici. Ed infatti i partecipanti si sottopongono ai giudici (3 fissi più 2 speciali a puntata) per arrivare a vincere la prima edizione del programma (proprio come il talent di Morgan e company).
L'idea, sinceramente, è lodevole. Spesso i "big" della community italiana sono stati accusati di non voler pubblicizzare o lasciare spazio ai "nuovi talenti" per non avere concorrenza. Qui invece si cerca esattamente di fare l'opposto. Al di là di come sia andata la prima messa in onda della live, infatti, non si può negare che i partecipanti non abbiano goduto di una certa visibilità (ci son stati picchi di 1.800 spettatori che, per una live italiana, non son certo pochi).
Ma andiamo con ordine. Chi c'è dietro "The Y Factor"? Beh quelli che son i "giudici fissi" sono anche gli ideatori (più il Ras della Fossa che ricopre il ruolo di presentatore). Chi sono? Eccoli:

- Il Ras della Fossa (circa 67.000 iscritti);
- Bloodymoonsky (circa 9.000 iscritti);
- Supergianlu (circa 1.500 iscritti);
- Meazzano (circa 2.500 iscritti).

A loro si sono affiancati, nella prima puntata, due giudici speciali: Dellimellow e Fraffrog.

Purtroppo la qualità tecnica del live non è stata delle migliori (era tutto basato su Hangout e trasmesso su youtube), ma questo non dipende di certo dagli organizzatori che, certamente, cercheranno di migliorare le sbavature dovute ad una puntata pilota che ha presentato diversi problemi (come i tempi troppo lunghi, dovuti a troppi concorrenti per una sola puntata).

Molte sono le critiche (alcune giustificate, altre meno) piovute su questa idea. Personalmente ritengo che lo sforzo di questi ragazzi sia lodevole (così come il loro coraggio) e che sia totalmente sbagliato sparare a zero su quella che, ripeto, è stata poco più di una puntata pilota (e c'è anche da ribadire il fatto che questi ragazzi non hanno nessuno di "grande" alle spalle ed hanno zero budget).

La cosa peggiore della prima puntata di Y Factor? Il pubblico. La community italiana di youtube si è dimostrata, ancora una volta, una massa informe di "bimbiminkia" senza cervello che hanno iniziato a spammare insulti e svastiche durante la diretta (piccola leggerezza degli organizzatori è stata quella di non prevedere tutta questa stupidità e non inserire nella blacklist parole e simboli da contrassegnare come spam o, semplicemente, nominare dei moderatori per i commenti). Davvero patetici.

Non resta che aspettare e vedere se la seconda puntata aggiusterà un po' il tiro.




Ah, dimenticavo, un bravo anche a tutti i partecipanti che si sono messi in gioco. Eccoli qui:

- Raffaele Ralfo
- Andrew Venix
- Gian
- Shocking Muffin
- HallOfCrime 
- Vincenzo Spoglia
- ZooSparkle
- Paolino Cinema
- Il cavaliere di platino
- JoeBerto
- Simone Sinfoniainh
- Lorenzo Scribani
- NickChistCannel
- YouNesto
- Caczus


 

Commenti

Post popolari in questo blog

Shitstorm? Eh?

Il futuro dei case per pc? Probabilmente una scrivania

WatchMojo e Stereomood, curiosità e musica direttamente dal web